martedì 21 luglio 2015

L’ANGOLO DELLA POESIA

VOLA L’AURORA

Vola l'aurora
con i suoi veli iridescenti
con le sue brezze salmastre
dai mari ai monti
dai laghi ai prati
dai fiumi alle valli.
Il cielo si curva sulla terra:
accarezza corolle
fa tremare stille di rugiada
diffonde profumi d'erbe e fiori.
Il “Mattutino” degli uccelli
desta la natura, canta al creato.
Cascate di meraviglie
dipinte da Dio,
parlano all'anima.
Ogni giorno ci dona
spettacoli emozionanti.
Ma l'eterna aurora della storia
è l'Annunciazione
a Maria di Nazareth:
salvezza dell'intera umanità
protesa verso la gioia,
all'amore senza fine,
brillio divino in ogni cuore:
respiro della pace nel mondo
sul tratto: via, verità e vita
al di là della guerra
illusione dell'uomo e distruzione.
                                                                              di Edda Piccioni



Stella Maris

O Madonna di lu porte, Sanda nostre, Maris Stella,
Ti li si, ca pire uanne, Ti faciome na festa 'bbella,
e allore 'ggia da uje, aripinnice timbi 'bbune,
senza nivele, senza piove, senza lambe e li tune…

Nin fa 'rndrà manghe lu sole, ca ci allumine lu monne,
e lu mare ariscalle, da la rive a lu profonne.
E li pisce ca s'accorge di stù grand'avvenimende,
fa che vinghe titte a galle, a pittà stu mare d'argende.

Ma si 'ppù a l'ambruvvise a t'arrive 'mbò di 'bbrezze,
'ngì fà case, è la nature, ca ti done na carezze…
Facce arscì na 'bbella feste, 'nghè lu spare e la 'bbande,
cuscì titte li prisinde, arcurdarà stù jurne Sande…

                                                                                               di Dante Di Pompeo






Nessun commento:

Posta un commento